Gestione del doloreall'anca e sollievo

I legamenti e i muscoli intorno all’anca possono contribuire a causare un dolore articolare. Quando si è a casa, si può tranquillamente usare la tecnica P.R.I.C.E., di seguito illustrata, che consente di alleviare la pressione e il dolore intorno all’anca. 

La tecnica P.R.I.C.E. consiste in quest’approccio:

  • Protezione dell’anca con un sostegno
  • Riposo dell’anca limitandone i movimenti
  • Impacco freddo sull’anca da utilizzare diverse volte al giorno, lasciandola respirare liberamente fra un’applicazione e un’altra
  • Compressione dell’anca utilizzando un supporto (aderente ma non troppo)
  • Elevazione dell’anca al fine di annullare la forza di gravità e il ristagno ematico e facilitare il drenaggio 

In generale comunque, se si è in sovrappeso, la perdita di peso può aiutare ad attenuare il carico sulle articolazioni doloranti. Se si fuma, smettere di fumare potrebbe aiutare a migliorare lo stato di salute. 

Terapia con i farmaci

Per curare un lieve dolore all’anca, un antidolorifico potrebbe essere una soluzione efficace per ottenere un po’ di sollievo e per facilitare il movimento.

Se, il dolore all’anca è molto forte e dovesse persistere, è preferibile consultare il proprio medico che potrà prescrivere terapie più adeguate per alleviare il dolore. Di seguito vengono citate alcune delle opzioni disponibili.

Agenti topici

I farmaci analgesici/antinfiammatori topici possono alleviare il dolore provocato dall’artrosi e da altre patologie. Questi sono disponibili sotto forma di gel, cerotti, spray o schiume. Essi contengono un farmaco anti-infiammatorio come ibuprofene, diclofenac, felbinac, ketoprofene, o piroxicam. Altre creme e unguenti sono a disposizione per alleviare i dolori. Ad esempio, la capsaicina blocca la trasmissione dei segnali del dolore e consente il rilascio di endorfine. 

Infiltrazioni intrarticolari

Se le terapie a cui ci si è sottoposti non hanno contribuito ad alleviare il dolore, un’altra possibilità è quella di effettuare infiltrazioni di acido ialuronico oppure di corticosteroidi, direttamente nell’articolazione dell’anca, ogni tre o quattro mesi. Questo tipo di trattamento deve essere ovviamente personalizzato e valutato insieme al proprio medico secondo lo stadio della patologia.

Fisioterapia

Una terapia ad hoc con un fisioterapista potrà contribuire a rinforzare i muscoli dell’anca, per stabilizzare l’articolazione e migliorare i vari movimenti.